Trattamento pediculosi

 

trattamento pidocchi

scopri il trattamento per i pidocchi

Trattamento pediculosi

Sfortunatamente molti medici e pediatri considerano la pediculosi della testa come una condizione alla quale non si debba prestare eccessiva attenzione.

E d’altra parte troppo spesso mancano le conoscenze di base, sia sul tipo di problema che sulla diagnosi. Ma sui trattamenti adatti? In commercio se ne trovano tanti. Per non parlare, poi, dei consigli dei farmacisti.

Ma vengono completamente ignorati l’efficacia e i pericoli delle diverse sostante, soprattutto dei pesticidi. E un trattamento efficace viene spesso intrapreso tardivamente quando l’infestazione si è già diffusa nella famiglia e nella comunità.

La riluttanza dei genitori a comunicare la presenza di pidocchi nella testa del proprio figlio fa tutto il resto.

Trattamento pediculosi: troppo spesso tossico

Nessun agente topico è risultato essere ovicida al 100%. Ne consegue che per eliminare i pidocchi dobbiamo ripetere il trattamento dopo 10 – 15 giorni allo scopo di uccidere le ninfe che nel frattempo sono fuoriuscite dall’uovo.

Il trattamento della pediculosi va intrapreso quando vi sia la sicurezza che il soggetto ne sia effettivamente colpito.

I pediculocidi non vanno adoperarti per la prevenzione ma solo per il trattamento. Trattare la testa del bambino soltanto perché un amico, o un compagno di scuola è affetto da pidocchi è un errore perché ogni pediculocida ha comunque un pur minimo potenziale di tossicità ed il rischio aumenta quando la madre ripete il trattamento in modo continuativo o comunque ravvicinato.

Prevenzione prima del trattamento contro la pediculosi


Iniziamo subito col dire che non esiste prevenzione ai pidocchi. L’unico modo è cercare di coglierli in tempo, perciò basterà effettuare periodicamente un esame attento della testa, soffermandosi soprattutto su nuca e orecchie.

Il ritrovamento di uova a distanza ravvicinata dal cuoio capelluto (1 cm o meno) in un soggetto non trattato, equivale alla diagnosi di pediculosi e quindi indica la necessità del trattamento.

Trattamento pediculosi: parliamo degli ingredienti più comuni


Il malation è un pesticida organofosforico molto usato in agricoltura negli USA. Agisce come inibitore irreversibile delle colinesterasi ed è probabilmente il prodotto pediculocida ed ovicida ad azione più rapida: pidocchi e uova vengono uccisi in 3 secondi. E’ sicuro quando viene correttamente impiegato ma è stato ritirato dal mercato americano dallo stesso produttore.

E’ disponile in Italia come gel all’1% e viene consigliato in due applicazioni di dieci – venti minuti ciascuna, intervallate da una settimana di distanza.

La permetrina è una piretrina sintetica, poco assorbibile dalla cute e dotata di un eccellente attività sui pidocchi e sulle uova.

Il suo meccanismo di azione risiede nella sua capacità di agire sulle membrane neuronali degli insetti (analogamente al DDT). Il piretro, come i suoi derivati, è dotato di bassa attività tossica nei mammiferi per la rapida trasformazione da parte dell’idrolisi esterica e/o dell’idrossilazione. La lenta biotrasformazione negli insetti è la causa della forte attività pediculocida. Gli effetti tossici diretti sono rari ma esiste la possibilità d’indurre reazioni di tipo allergico (dermatite da contatto e allergia respiratoria).

Il suo uso è quindi controindicato in soggetti che abbiano presentato reazioni da ipersensibilità verso la stessa permetrina. La sua azione sul pidocchio non è immediata, come quella del malation ma richiede qualche minuto per cui, dopo l’applicazione, possono essere ancora osservati pidocchi morenti.
Il prodotto si trova in commercio in Italia, come prodotto da banco, in crema liquida all’1% per uso esterno.

Trattamento pediculosi: qual’è il più efficace?


Nessuno prodotto è tuttavia in grado di staccare le lendini dai capelli. L’adesione delle lendini ai capelli è assicurata da materiale cheratinico, colloso, prodotto dal pidocchio, difficilmente solubile senza danneggiare i capelli.

Per l’asportazione delle lendini dai capelli, dopo un impacco di acqua e aceto, si usa un pettine a denti fitti (0,3 mm fra i denti) di plastica o di metallo o, più efficacemente, si sfila manualmente dai capelli una lendine alla volta.

Ma se vuoi liberarti velocemente e senza rischiare di intossicare il tuo bambino, consulta al più presto il libro e potrai scegliere il giusto trattamento contro la pediculosi: eliminarepidocchi

This entry was posted in trattamento pediculosi and tagged , . Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>